Attualità

Referendum 12 giugno: i 5 quesiti da votare

La Redazione
referendum
Come si vota, quando e perché i cittadini saranno chiamati ad esprimersi sul tema della Giustizia
scrivi un commento 27

Il prossimo 12 giugno, oltre alle elezioni amministrative, nell’election day indetto dal governo si celebrerà il voto anche per dei Referendum.
Nel caso specifico, i cittadini italiani, saranno chiamati alle urne per esprimersi sul tema della giustizia con 5 questi referendari abrogativi.

Quello che verrà chiesto agli Italiani è di decidere se abrogare (quindi cancellare) o mantenere alcune normative che attualmente sono in vigore nel nostro ordinamento.

Perché si vota

Oltre alle schede elettorali per le elezioni amministrative ci verranno consegnate 5 schede di voto, corrispondenti a 5 diversi quesiti referendari.

Si vota infatti per:

  • separazione delle carriere (tra giudici e Pm), 
  • custodia cautelare durante le indagini 
  • legge Severino – incandidabilità dopo la condanna
  • pagelle ai magistrati, 
  • Riforma del Consiglio superiore della magistratura (Csm)

Il proprio giudizio di voto si esprime così:

  • apporre un segno sul SI se si desidera che la norma sottoposta a Referendum sia abrogata
  • apporre un segno sul NO se si desidera che la norma sottoposta a Referendum resti in vigore

Quando si vota

Il voto per la consultazione referendaria si terrà domenica 12 giugno, dalle ore 7 alle ore 23. I cittadini italiani residenti all’estero (AIRE), potranno votare all’estero.

I 5 quesiti abrogativi

Ecco in dettaglio i quesiti su cui saremo chiamati ad esprimere il nostro voto abrogativo (cioè di cancellazione dell’attuale normativa):

  1. Abrogazione del Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi. (scheda rossa)</strong>;
  2. Limitazione delle misure cautelari: abrogazione dell’ultimo inciso dell’art. 274, comma 1, lettera c), codice di procedura penale, in materia di misure cautelari e, segnatamente, di esigenze cautelari, nel processo penale (scheda arancione)</strong>;
  3. Separazione delle funzioni dei magistrati. Abrogazione delle norme in materia di ordinamento giudiziario che consentono il passaggio dalle funzioni giudicanti a quelle requirenti e viceversa nella carriera dei magistrati (scheda gialla)</strong>;
  4. Partecipazione dei membri laici a tutte le deliberazioni del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e dei consigli giudiziari. Abrogazione di norme in materia di composizione del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e dei consigli giudiziari e delle competenze dei membri laici che ne fanno parte (scheda grigia)</strong>;
  5. Abrogazione di norme in materia di elezioni dei componenti togati del Consiglio superiore della magistratura (scheda verde).

I quesiti completi possono essere consultati sulle FAQ Ministero dell’interno

mercoledì 25 Maggio 2022

(modifica il 27 Giugno 2022, 12:31)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti